Tu sei qui

CASA C2: ristrutturazione attico su due piani, interno/esterno VR

Descrizione: 

L’intervento riguarda la ristrutturazione di un appartamento dei primi anni settanta con mutate necessità. Il principio della nuova sistemazione deriva dalla lettura dell’edificio formato, sinteticamente, da due rettangoli leggermente traslati: questa traslazione determina un angolo di rotazione secondo il quale sono stati disposti i nuovi locali, mantenendo sempre i muri portanti, inalterati, come un vincolo attorno il quale creare una nuova concatenazione di spazi. Importante nel gestire gli spazi stessi è stata la ricerca di un legame percettivo che collegasse i diversi luoghi della casa: così come dalla cucina è possibile protrarre lo sguardo sino alla camera, dalla zona studio è percepibile il volume delle scale e così via. Per quanto riguarda le scale che collegano l’entrata posta al piano terra, il primo piano ed il soppalco, un intervento fondamentale è stato quello di aprire con una vetrata la rampa che porta al primo piano e quella che conduce al soppalco in modo da creare una percezione spaziale verticale evidente. Tale spazio vetrato si conclude con una sorgente luminosa che porta luce sino all’entrata situata al piano terra. La parte centrale del soggiorno, in legno nero, diviene ora il fulcro della casa e da qui ha origine la doppia giacitura delle pareti che contribuisce a dinamicizzare gli spazi prima decisamente statici. In questo appartamento si è optato per un gioco cromatico deciso utilizzando elementi in legno nero, volumi rossi e blu, tenendo come sfondo la pavimentazione grigia in Bardiglietto che sottolinea la continuità tra il salone e lo studio, mentre per la camera da letto sono stati utilizzati toni più delicati: pavimentazione in rovere sbiancato e tinteggiatura bianca inserendo come unico elemento di contrasto il volume nero del bagno. Il resto delle pareti è rivestito in grassello grigio chiaro spatolato. Sono stati sostituiti gli infissi, ora in legno bianco. La zona cucina, altro luogo significativo della casa, è dominata da un’isola centrale laccata rossa ricoperta da un massiccio piano in ardesia spazzolata sul quale si appoggia un tavolo in cristallo instaurando così un rapporto pieno-vuoto, pesantezza-leggerezza che riprende in un altro contesto e in altro modo il rapporto tra le grandi fasce orizzontali in cemento armato alternate al vuoto creato dalle aperture arretrate e pressoché continue dell’esterno.